‘Ndrangheta a Bergamo, fermate quattro persone: gestivano un sistema di estorsioni per il clan Arena

I carabinieri di Bergamo hanno dato esecuzione in queste ore a un fermo di indiziato di delitto per quattro persone tutte vicine al clan di ‘ndrangheta “Arena” di Isola di Capo Rizzuto. L’accusa, a vario titolo, è di estorsione, usura, riciclaggio ed autoriciclaggio di denaro e bancarotta fraudolenta. Avevano messo in piedi un vero e proprio sistema di estorsioni nell’ambito del campo dei trasporti di merce servendosi di un meccanismo di false acquisizioni societarie, fallimenti fraudolenti e fornitura di prestiti a tasso usuraio. Tra i fermati anche marito e moglie.

Avevano messo in piedi un vero e proprio sistema di estorsioni nell’ambito del campo dei trasporti di merce servendosi di un meccanismo di false acquisizioni societarie, fallimenti fraudolenti e fornitura di prestiti a tasso usuraio. Tutto ora svelato dalle indagini dei carabinieri Bergamo e le squadre mobili di Crotone di Catanzaro, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Brescia e Catanzaro: i militari di Bergamo hanno dato esecuzione in queste ore a un fermo di indiziato di delitto per quattro persone tutte vicine alla ‘ndrangheta con l’accusa, a vario titolo, di estorsione, usura, riciclaggio ed autoriciclaggio di denaro e bancarotta fraudolenta.

I nuovi fermi sono il proseguo dell’operazione “Papa” che già nel marzo del 2019 aveva portato all’arresto di 19 persone: già allora gli investigatori avevano accertato un sistema di estorsioni nel campo del trasporto merci. Nel dettaglio, con l’intento di portare via clienti, il proprietario di una ditta di trasporti della provincia, insieme a uomini appartenenti al clan “Arena” operante in Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, si sarebbe recato presso un suo concorrente, minacciandolo ed imponendogli un numero limitato di clienti, al fine di avere il controllo di un vero e proprio “cartello” nel settore dei trasporti dei mezzi pesanti. Il nuovo filone delle indagini ha poi permesso di accertare nuovamente che gli esponenti del clan “Arena”, con la complicità di un imprenditore locale, avevano messo in piedi un complicato sistema di acquisizione fittizia di una ditta di trasporti, al fine di poter operare in prima persona all’interno del settore e, soprattutto, per poter riciclare soldi provento di illecite attività. Società, che come poi spesso accade, veniva fatta fallire in maniera fraudolenta per poi darne vita una nuova così da cercare di evitare controlli da parte delle forze dell’ordine. Per gli inquirenti questo business aveva l’unico scopo di agevolare la cosca di Isola di Capo Rizzuto.

Fermati anche marito e moglie
Ma non è tutto. Il clan una volta avuto il controllo del territorio nella Bergamasca aveva concesso prestiti a tasso usuraio ad alcuni imprenditori. Fino a questa mattina di mercoledì 10 febbraio quando i carabinieri di Bergamo hanno fermato 4 persone: due di questi, marito e moglie, residenti a Seriate mentre gli altri due raggiunti dai militari nelle loro rispettive abitazioni in Calabria e Piemonte. Sono ancora in corso però altre perquisizioni in Lombardia, Venero, Umbria e Calabria: sotto controllo sono altre persone coinvolte nel sistema di false fatturazioni e altri reati fiscali, tanti con il ruolo da prestanome. Giorgia Venturini, Fanpage.it

Ndrangheta: quattro fermi per estorsione e usura

 I carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Brescia, nei confronti di quattro persone, legate ad un gruppo ‘ndranghetistico, accusate di estorsione, usura, riciclaggio ed autoriciclaggio e bancarotta fraudolenta. Sono state eseguite decine di perquisizioni in Lombardia, Veneto, Umbria e in Calabria. L’operazione si inserisce in una più ampia attività, coordinata dalla Direzione Nazionale Antimafia, e che ha viste coinvolte le Procure Distrettuali di Brescia e Catanzaro, con indagini svolte dai carabinieri di Bergamo e dalle Squadre Mobili di Crotone e di Catanzaro. Il procedimento è il proseguimento dell’operazione ‘PAPA’ che aveva portato, nel marzo 2019, all’arresto di 19 persone da parte dei Carabinieri di Bergamo e del R.O.S. di Brescia e aveva scoperto un gruppo di persone, alcune originari della provincia di Bergamo, altre di quella di Crotone, che avevano messo in piedi un sistema di estorsioni nell’ambito del campo dei trasporti di merce oltre a realizzare un meccanismo di false acquisizioni societarie, fallimenti fraudolenti e fornitura di prestiti a tasso usuraio la Provincia di Crema

admin

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *